• Blog
  • news

    Da TWS

    date 22-12-2015

    CERTIFICAZIONE AEOF

    Un nuovo prestigioso traguardo per Trans World Shipping SpA

    Trans World Shipping Spa (TWS) ha ottenuto la certificazione AEOF, ovvero Authorized Economic Operator Full nr. IT AEOF 15 1042.
    Tale certificazione viene rilasciata dalle Autorità Doganali, dopo una lunga serie di audit,  agli operatori economici che ne fanno richiesta su base volontaria purché soddisfino gli standard più rigorosi in materia di affidabilità nei processi di natura doganale, solvibilità finanziaria, accurata tenuta delle registrazioni contabili, sicurezza dei processi operativi e sicurezza delle infrastrutture operative.
    La procedura di certificazione è stata redatta dall’Unione Europea dietro  direttive emanate dall’organizzazione Mondiale Delle Dogane (WCO). Le linee guida del WCO sono state adottate da diverse altre nazioni nel mondo con il conseguente naturale  mutuo riconoscimento delle certificazioni rilasciate dalle autorità doganali delle seguenti nazioni:
    CINA PRC
    GIAPPONE
    NORVEGIA
    SVIZZERA
    STATI UNITI (CTPAT)
    Il  mutuo riconoscimento tra le diverse nazioni consente quindi agli operatori che condividono le stesse peculiarità, sia finanziarie che operative, di garantire alle aziende che stanno agli estremi della catena di approvvigionamento internazionale (quindi mittenti e destinatari) una maggiore sicurezza durante il transito contro manomissioni delle merci nonché procedure operative e doganali maggiormente snelle ed al riparo da imprevisti. Ricorrendo ad un operatore doganale dotato di certificazione AEOF si godono quindi  diversi benefici tra cui i principali sono:  
    semplificazione delle procedure e
    riduzione dei conseguenti controlli doganali,
    facilitazione nelle procedure di sicurezza,
    facilitazioni nell’ottenimento di autorizzazioni doganali quali la gestione di magazzino doganali, depositi di temporanea custodia ecc.
    In caso di controlli, inoltre, si ha la priorità nel trattamento del carico e,  previo accordo con la dogana, si può concordare il luogo di effettuazione del controllo.
      Con la scelta di richiedere la certificazione AEOF, noi di TWS abbiamo voluto fare un ulteriore passo nella direzione della qualità ed affidabilità del servizio per una maggiore serenità dei nostri clienti. 
    Show more >>
    Da TWS

    date 04-02-2019

    INTERCONTINENTAL GT CHALLENGE – 12H BATHURST

    POLE POSITION E TERZO POSTO FINALE PER MARCIELLO

    Dopo l’esperienza in Formula E, Raffaele Marciello è tornato a bordo della Mercedes-AMG GT3 per prendere parte alla prima gara endurance del 2019: la 12H di Bathurst. La gara di durata sullo scenografico circuito di Mount Panorama, a circa trecento chilometri a nord di Sydney, fa parte dell’Intercontinental GT Challenge, campionato che prevede cinque appuntamenti nel corso dell’anno: la 12H di Bathurst, la 8H di Laguna Seca, la 24H di Spa, la 10H di Suzuka e la 9H di Kyalami. Il Ticinese Marciello ha preso parte alla corsa con il Team Gruppe M, coadiuvato dai forti piloti AMG Goetz e Buhk. Nel corso della giornata di Venerdì sono andate in scena numerose sessioni di prove libere, dove la Mercedes AMG GT3 numero 999 ha immediatamente trovato il giusto bilanciamento, schierandosi sempre nella parte alta della classifica. Sabato hanno preso il via le prove di qualificazione dove l’obiettivo era quello di agguantare la TOP 10, al fine di potersi giocare la pole-position nella sessione del pomeriggio, denominata “TOP 10 SHOOT-OUT”, dove i dieci piloti più veloci hanno a disposizione un giro a pista libera per segnare il tempo migliore. Raffaele Marciello, scelto per rappresentare la vettura 999 nelle prove di qualificazione, ha agilmente ottenuto un posto nella TOP 10 e nel pomeriggio è sceso in pista tentando di agguantare la pole position. Tentativo che è andato assolutamente a buon fine, dal momento che Raffaele ha fatto segnato il miglior tempo in assoluto, ottenendo una storica pole position sull’insidioso circuito Australiano che porta grande ottimismo per la stagione che sta per iniziare. Nella gara di 12H, il via è stato preso dal compagno di equipaggio Buhk, che ha mantenuto la testa della corsa per la prima ora di gara. A partire dal primo pit-stop, la vettura 999 è scesa in seconda posizione a causa di una diversa strategia di gara rispetto la gemella vettura che si trovava alle spalle. Dopo Buhk il volante è passato nelle mani di Goetz per circa due ore, prima di tornare a Buhk per un’ora di guida. Purtroppo a questo punto è arrivato il primo drive through inflitto proprio a Buhk per aver zig-zagato durante la safety car, procedura vietata dai marshall Australiani: risultato dalla seconda posizione si è scesi in nona posizione. La rimonta è iniziata dall’ora successiva con il susseguirsi dei tre al volante che hanno guidato in modo molto veloce sino a risalire nuovamente in seconda posizione. A tre ore dalla fine ilvolante è stato preso da Goetz che ha montato un nuovo set di pneumatici. A due ore dal termine è stato il turno di Raffaele che ha continuato ad usare la gomma già utilizzata da Goetz, non risentendo assolutamente di un calo di prestazioni rispetto agli avversarsi con gomma nuova. Il vero colpo di scena è giunto a circa un’ora dal termine quando, a seguito di un ulteriore drive through inflitto questa volta a Marciello per un sorpasso sotto regime di bandiere gialle (scelta discutibile ma accettata), si è scelto di effettuare l’ultimo pit stop con solo il rifornimento di carburante al fine di guadagnare tempo nella sosta, senza cambiare dunque gli pneumatici che avrebbero dovuto reggere addirittura per tre ore di gara senza essere sostituiti. Rientrato in seconda posizione, Marciello ha compiuto un vero e proprio miracolo riuscendo a diminuire il gap con l’Aston Martin in testa. Purtroppo, a circa venti minuti dal termine, una safety car ha ricompattato il gruppo, mettendo alle spalle di Marciello la velocissima Porsche che montava pneumatici nuovi ed è riuscita a superare la Mercedes di Marciello e l’Aston agguantando la testa della gara. Il finale della gara è stato davvero elettrizzante considerando che Raffaele, con pneumatici ormai a rischio collasso da quanto erano usurati, è riuscito ad arginare un trenino di Mercedes, BMW e Bentley dietro di lui che montavano pneumatici nuovi ed hanno tentato il tutto per tutto senza però riuscirci. La 12H di Bathurst è dunque terminata in terza posizione per il trio Marciello-Goetz-Buhk, risultato notevole considerando le penalità subite durante la corsa e le inferiori velocità di punta rispetto gli avversari. Il secondo appuntamento dell’Intercontinental GT Challenge sarà il prossimo 30 Marzo sul circuito Californiano di Laguna Seca.
    Show more >>
    Da TWS

    date 10-12-2018

    MARCIELLO PREMIATO AI GALA MERCEDES-AMG E BLANCPAIN GT SERIES

    E’ stato un fine settimana impegnativo, quello appena trascorso per Raffaele Marciello: questa volta il forte pilota Ticinese è stato impegnato al di fuori della pista in due eventi di gala per celebrare la stagione appena conclusa. Venerdì sera è stata la volta dei festeggiamenti in casa Mercedes-AMG dove Raffaele ha ricevuto numerosi riconoscimenti dalla casa di Stoccarda per essere stato il loro pilota più vincente della stagione 2018. Sabato è stata invece la volta delle celebrazione da parte di SRO, ente organizzatore dei campionati Blancpain GT Series, nei quali Marciello ha fatto una vera e propria incetta di trofei: Vincitore assoluto del Campionato Blancpain GT Series Vincitore assoluto del Campionato Blancpain Sprint Series Secondo classificato del Campionato Blancpain Endurance Series Terzo classificato del Campionato Intercontinental GT Challenge Terzo classificato del Campionato Blancpain GT Asia categoria Pro-AMCon una valigia piena zeppa di trofei, Marciello ha fatto ritorno a casa per godersi un po’ il meritato riposo di fine stagione, in attesa di altri riconoscimenti che non tarderanno ad arrivare: vi terremo aggiornati!
    Show more >>
    Da TWS

    date 20-11-2018

    FIA GT WORLD CUP - MACAU

    POLE POSITION E PRESTAZIONI AL VERTICE NON SONO BASTATE PER ARGINARE LO STRAPOTERE BMW

    Dopo una stagione di ben venticinque gare, Raffaele Marciello è giunto all’ultimo appuntamento stagionale: la FIA GT World Cup sul circuito di Macau. In occasione della gara sullo storico e velocissimo tracciato cittadino, Mercedes AMG ha schierato ben tre vetture, guidate dai piloti ufficiali di Stoccarda Marciello, Mortara ed Engel. Il week-end di gara non è però iniziato nel migliore dei modi per Raffaele: nella prima sessione di prove libere, dalla durata di solamente trenta minuti, è riuscito a completare solamente due giri, a causa di un errore nella regolazione del rapporto di sterzo che impediva al Ticinese di compiere adeguatamente lo stretto tornante caratteristico di Macau; ad ogni giro infatti Marciello era costretto a fermarsi, compiere una retromarcia e ripartire, non avendo sufficiente angolo di sterzo sulla propria Mercedes AMG GT3. Nella seconda sessione di prove libere, anch’essa dalla durata di soli trenta minuti, risolto il problema allo sterzo, la sorte è rimasta avversa a Raffaele che dopo due giri è stato costretto nuovamente a fermarsi, a causa di numerose vibrazioni presenti sulla sua vettura per un foro nello splitter anteriore, fondamentale per l’aerodinamica della macchina. Senza praticamente aver mai guidato nel corso delle prove libere, Marciello si è comunque presentato con il coltello tra i denti nelle prove di qualificazione e giro dopo giro è costantemente migliorato, sino a strappare una fantastica pole position all’ultimo istante, piazzandosi con un giro perfetto davanti alla BMW M6 GT3 del Brasiliano Farfus. Da sottolineare l’eccelsa prestazione di Raffaele che è riuscito a strappare la pole position, non solo senza aver preso parte alle prove libere, ma anche contrastando lo strapotere BMW, vettura estremamente rapida sui lunghi rettilinei del tracciato, che consentivano alla vettura della casa Bavarese di acquisire un notevole vantaggio sulla Mercedes di Marciello. Sabato ha preso il via la gara di qualificazione che ha visto Raffaele scattare dalla pole-position; nelle fasi di partenza, la grande velocità della BMW si è messa nuovamente in luce, riuscendo a sopravanzare la Mercedes di Marciello sul rettilineo di partenza. Il Ticinese ha così mantenuto la seconda piazza sino al termine della gara, potendo così partire dalla prima fila in occasione della gara principale, quella della Domenica. Il giorno successivo, Raffaele è scattato dalla seconda posizione, mantenendo la piazza per alcuni giri, alle spalle della velocissima BMW che, ad ogni rettilineo, staccava notevolmente la Mercedes di Marciello. Dopo alcuni giri, essendo riuscito quasi ad annullare il distacco con la M6 GT3, Raffaele ha tentato un sorpasso in fondo al rettilineo principale: purtroppo, la staccata al limite non è andata a buon fine, terminando leggermente lungo e dovendo fare manovra per non finire nelle barriere; rientrato in corsa Marciello si è trovato in decima posizione, chiudendo la gara poi in nona posizione assoluta dopo un bel sorpasso sulla Nissan. Di certo Raffaele avrebbe potuto terminare la gara in seconda posizione ma, in una finale mondiale come quella di Macau, l’unico risultato che contava era la vittoria dunque onore a lui per averci provato sino alla fine, nonostante lo strapotere in termini di velocità di punta della BMW. Termina così una stagione ricca di soddisfazioni per Marciello che ricordiamo si è proclamato campione del Blancpain Sprint Series e del Blancpain GT Series. Tra qualche mese, dopo un meritato riposo, i motori si riaccenderanno per la 12H di Bathrust in Australia per l’Intercontinental GT Challenge.
    Show more >>
    Da TWS

    date 22-10-2018

    SECONDO POSTO PER MARCIELLO SULL’ANELLO VERDE DEL NURBURGRING

    VLN 9 - NURBURGRING

    Grandissima prestazione di Raffaele Marciello presso lo storico circuito del Nurburgring. Raffaele è stato chiamato da AMG a prendere parte all’ultimo appuntamento del campionato VLN, serie composta da nove gare che vengono interamente disputate presso il circuito del Nurburgring, nella configurazione che comprende lo storico anello di ventidue chilometri denominato Nordschleife e il circuito normalmente utilizzato dalle vetture GT ed F1 conosciuto come Nurburgring. La scelta da parte di Mercedes-AMG di far correre Raffaele in quest’ultima gara di campionato è stata pensata soprattutto in ottica 2019 dove molto spesso Marciello sarà chiamato a prendere parte a competizioni su questo circuito dove una preponderante dose di velocità è data soprattutto dall’esperienza, essendovi veri e propri mostri sacri di questo insidioso autodromo che hanno percorso centinaia e centinaia di giri in tutte le condizioni. Marciello, a differenza della totalità degli avversari, ha una esperienza che si riduce a sole poche decine di giri ma, nonostante ciò, è riuscito a mettersi in mostra durante la gara, facendo addirittura segnare il giro più veloce della corsa. In occasione di questo ultimo appuntamento del VLN, AMG ha allestito appositamente per Marciello una vettura gestita dal Team Tedesco HTP schierando come compagni di squadra Goetz e Assenheimer. Raffaele, giunto in autodromo nella giornata di Venerdì, ha preso parte alle prove libere, finalizzate a prendere confidenza con il lungo circuito che conta più di cento curve da memorizzare alla perfezione. La peculiarità degli appuntamenti VLN è che si svolgono interamente nella giornata di Sabato, iniziando il mattino presto con le prove di qualificazione e dando poi spazio alla gara dalla durata di quattro ore. Il mattino di Sabato ha visto ritardare le qualifiche a causa di una forte nebbia che impediva l’accesso in pista. L’obiettivo di AMGera quello di avere una vettura sì veloce ma non eccessivamente, al fine di non ottenere penalizzazioni in termini di prestazioni in ottica 2019. Le qualifiche sono terminate in terza posizione assoluta: ottimo risultato considerando che, data l’enorme presenza di vetture in pista, circa centosessanta in diverse categorie, può mettere a rischio un giro lanciato, perdendo anche una decina di secondi a causa del traffico rispetto ad un riferimento di circa otto minuto per giro. Il via della gara è stato preso dall’esperto Goetz che ha guidato per circa due ore, mantenendo una posizione che oscillava tra la seconda e le terza piazza, tenendo presente della diversa strategia di pit stop rispetto gli avversari. Al termine dei suo stint, il volante è passato nelle mani di Assenheimer che è riuscito a guidare in modo pulito, senza incappare in errori dettati dal traffico. A poco più di un’ora dal termine il volante è passato nelle mani di Marciello mentre era ancora in corso un duello diretto con la Mercedes del Team Black Falcon per la seconda posizione. In pochi giri Raffaele è riuscito a liberarsi completamente della vettura gemella rivale ed ha dato inizio ad una serie impressionante di giri veloci, facendo segnare il giro più veloce della gara e riducendo l’enorme distacco dalla Porsche che si trovava in testa da più di venti secondi a soli cinque nel corso dell’ultimo giro, terminando così la gara in seconda posizione. Ottima performance dunque per il Ticinese Marciello che, nonostante la minore esperienza su questo tracciato, ha messo tutti in riga ribadendo il suo dominio nel mondo GT3. Il tempo di tornare a casa che è ora di partire, questa volta con destinazione California, dove il prossimo week-end Raffaele sarà impegnato nell’ultima gara del campionato Intercontinental GT Challenge presso il circuito di Laguna Seca, cercando di difendere la sua leadership in campionato.
    Show more >>
    Da TWS

    date 10-09-2018

    BLANCPAIN SPRINT SERIES - BUDAPEST

    WEEK-END DA INCORNICIARE PER MARCIELLO: POLE POSITION, VITTORIA ED UN SECONDO POSTO LO PORTANO IN TESTA ALLA CLASSIFICA PILOTI ASSOLUTA

    Dopo la splendida vittoria alla Suzuka 10H, Marciello è tornato in Europa per prendere parte al quarto appuntamento della serie Blancpain Sprint sul circuito Ungherese di Budapest. Come ormai è di norma, Raffaele ha partecipato a bordo della Mercedes AMG GT3 numero 88 del Team AKKA ASP coadiuvato dal Britannico Micheal Meadows. Venerdì i piloti sono scesi in pista per due sessioni di prove libere. Nel corso della prima sessione si è presa confidenza con il tortuoso circuito dell’Hungaroring, senza mettere nuovi pneumatici e senza cercare l’assoluta prestazione cronometrica. Nel corso della seconda sessione, Marciello si è imposto in testa alla classifica, avendo montato gomma nuova come tutti gli avversari; il bilancio è stato dunque positivo anche se il Ticinese non era pienamente soddisfatto del set-up della vettura. Sabato mattina hanno preso il via le prove di qualificazione che hanno visto Meadows guidare nella prima sessione e Marciello nella seconda. Come da prassi, il pilota che segna il tempo nella prima sessione determina la posizione di partenza della prima gara del week-end, mentre il pilota al volante nella seconda sessione definisce la posizione in griglia per gara due. Nel proprio turno Meadows è riuscito a piazzarsi in quarta posizione, con un buon riscontro cronometrico. Nella seconda sessione è stata la volta di Raffaele che sin dall’inizio si è imposto in testa alla classifica e, non contento, ha migliorato giro dopo giro imponendo un distacco di più di due decimi sul secondo classificato. Grande soddisfazione per questa pole position di Marciello che è la seconda nella serie Blancpain Sprint dopo quella di Misano. Sabato pomeriggio, a circa un’ora dalla partenza della prima gara del week-end, un forte acquazzone si è abbattuto sul circuito Ungherese, lasciando tutti gli equipaggi nel dubbio circa quali pneumatici montare in gara. Terminata la pioggia a circa venti minuti dal via, con l’asfalto ancora molto umido, gran parte degli equipaggi, compresa la Mercedes AMG GT3 numero 88 pilotata da Micheal Meadows, hanno optato per le gomme slick,prevedendo una rapido asciugamento del manto stradale. Al via Meadows è stato sopravanzato dall’unica vettura nei suoi paraggi che montava pneumatici da bagnato ma, giro dopo giro, è riuscito a recuperare sino a riprendere la quarta posizione che aveva in partenza. Da sottolineare che le condizioni di guida erano molto spettacolari, vedendo numerosi duelli tra le vetture molto poco controllabili sull’asfalto umido con le gomme d’asciutto. A circa mezz’ora dal termine il volante è passato nelle mani di Marciello che, ormai con pista praticamente asciutta, ha iniziato una vera e propria rimonta in un circuito dove sorpassare è molto difficile. Con un bel sorpasso su una vettura Audi, Raffaele si è portato in terza posizione e dopo pochi giri ha inflitto ben dodici secondi di distacco sulla vettura appena sorpassata. Arrivato alle spalle della vettura in terza posizione, l’ha agilmente sorpassata, iniziando la rincorsa per la seconda posizione. Recuperato il gap con la vettura gemella che si trovava in seconda posizione, ha iniziato a mettere pressione all’avversario che, sentendosi attaccato alla spalle, è finito in testa coda, lasciando la seconda posizione a Marciello ad un giro dalla fine. Grande podio dunque per il duo Marciello-Meadows che hanno iniziato nel migliore dei modi il week-end di gara con una bella seconda posizione assoluta. Domenica pomeriggio, sotto una pioggia torrenziale, ha preso il via la seconda gara, con Marciello che è scattato dalla pole position. Immediatamente il Ticinese si è imposto con un ritmo a dir poco imbarazzante, distaccando gli avversari e facendo segnare il giro più veloce della corsa. A poco meno di mezz’ora dal termine, prima di consegnare la vettura al compagno di squadra Meadows, aveva un vantaggio di circa dodici secondi sul secondo classificato e circa quaranta sul terzo classificato: un vero mattatore. Salito il Britannico, nonostante un pit stop non perfetto, è stata mantenuta la testa della corsa ma, dopo qualche giro, l’enorme vantaggio accumulato in precedenza grazie a Marciello, è stato perso a causa dell’ingresso di una safety car che ha ricompattato il gruppo. Si è dovuti dunque ripartire praticamente da zero e Meadows è stato bravo a non cedere alla pressione dell’Audi in seconda posizione, riuscendo così a concludere in prima posizione. Magnifica vittoria dunque per il duo Marciello-Meadows che ha portato ora Raffaele in testa alla classifica piloti assoluta del Blancpain GT Series e primo a pari punti nella classifica piloti Blancpain Sprint Series. Terminata questa gara, il prossimo appuntamento sarà quello Tedesco del Nurburgring, ultima tappa del campionato Blancpain Sprint Series prevista dal quattordici al sedici di Settembre.
    Show more >>